il caso Imprimatur

8 marzo 2015

Sovvracopertina ok limitata x l autore-page-001

La vera storia di Imprimatur, un romanzo stampato da Mondadori nel 2002 e poi clamorosamente censurato. Da allora ha venduto un milione di copie in tutto il mondo.

I suoi autori, Rita Monaldi e Francesco Sorti, sono diventati due tra gli scrittori italiani più noti ed apprezzati in Europa per la qualità dei loro romanzi. Ma sconosciuti o quasi in Italia. Perché un romanzo italiano bestseller internazionale viene messo al bando in Italia?

Imprimatur è un romanzo storico ambientato nella Roma del 1683, nella settimana di settembre che coincise con la battaglia di Vienna tra le truppe cristiane e quelle turche. Rita Monaldi e Francesco Sorti, gli autori, sono all’esordio letterario. L’editore Mondadori, acquisisce il manoscritto e lo pubblica nel marzo del 2002. All’inizio il libro scala le classifiche e fa parlare di sé, ma a un certo punto l’editore sembra non crederci più. Il libro non viene più ristampato. Imprimatur sparisce dai cataloghi e dai siti di vendita usuali.

Dopo una febbrile contrattazione gli autori ottengono indietro i diritti. Vanno all’estero e cominciano a contattare gli editori più importanti. Il risultato è che ad oggi Imprimatur è stato stampato in almeno quarantacinque paesi e ha venduto più di un milione di copie nel mondo. Ma perché il romanzo era sparito dal novero delle “creature del creato”? Come mai non veniva più recensito? Come mai era sparito dai motori di ricerca librari su internet? Le risposte arrivano a fatica, tra silenzi e no comment d’ordinanza.

buy_on_amazon

Comments are closed.